Storie: Il miracolo del Panathinaikos ad Amsterdam

ajax_panathinaikos.jpg

L’Ajax è imbattuto in casa – nelle partite per l’Europa – dal 27 settembre 1989 quando, contro l’Austria Vienna nel vecchio De Meer, viene sconfitto a tavolino. E l’ultima sconfitta risale al 16 marzo 1994, un 2-0 contro il Parma al Tardini: la squadra di Louis van Gaal (di Litmanen, dei fratelli de Boer, di Kluivert, Kanu e Davids) non perde da più di due anni in Europa, vincendo la Champions League del 1995 e andando di gran carriera per la doppietta.

Tutto questo fino al 3 aprile 1996. All’Olimpico di Amsterdam arriva il Panathinaikos di Juan Ramon Rocha, la grande sorpresa della Champions League, ormai arrivata alle semifinali. Il livello dell’Ajax di quel periodo era incredibile, come ha spiegato proprio Rocha in un’intervista a Spor FM:

Un anno prima ero andato insieme a Manos Mavrokoukoulakis (dirigente e attuale presidente del Panathinaikos, ndr) a Vienna per la finale Ajax-Milan. L’Ajax era la più forte squadra del mondo e abbiamo visto che i suoi giocatori venivano comprati a peso d’oro dai top club europei.
Avevamo due modi per approcciare quella gara ad Amsterdam: giocare a viso aperto oppure chiuderci in difesa per tutta la partita. Abbiamo abbandonato la prima opzione, non era la ricetta giusta che volevamo e quindi abbiamo giocato alla pari.

Guai a sottovalutare il Trifylli, capace di grandi imprese in campo europeo, come dirà Krzysztof Warzycha, il leader offensivo del Panathinaikos:

Non posso nasconderlo, allora andavamo allo stadio col pullman e i tifosi dell’Ajax pensavano di avere la vita facile con noi, di batterci con tre o quattro reti.

Tuttavia, noi siamo andati là senza ansia, non avevamo da perdere nulla. […] Ho guardato molte volte questa partita. Non ci hanno chiusi nella nostra area, ci sono stati frangenti in cui abbiamo tenuto bene il pallone e abbiamo avuto anche occasioni per segnare.

L’Occasione, con la o maiuscola, arriva all’87’ e rappresenta perfettamente l’atteggiamento dei ragazzi di Rocha.

I protagonisti di questa azione sono tre:
1) Stratos “Turbo” Apostolakis, terzino destro che lascia nel 1990 l’Olympiakos per gli odiati rivali per «gustarmi l’Europa con il mestolone, non con il cucchiaino». Per farvi capire la personalità.
2) Giorgos Donis, attuale allenatore del Trifylli e, quando giocava, centrocampista famoso per le sue incursioni, tanto da essere chiamato “Treno”.
3) Krzysztof Warzycha, ariete polacco già capocannoniere per due volte consecutive in A’ Ethniki e capace, fino a fine carriera nel 2004, di segnare 244 reti in 390 partite in campionato, 50 in 100 partite in Coppa e 25 in 63 partite in Europa: tutto questo sempre con la maglia del Panathinaikos.

Dieci secondi da far vedere a chiunque voglia imparare il termine contropiede. Ricordiamo, semifinale di andata sullo 0-0 all’87’ e la squadra in trasferta ha il pallone vicino alla propria area: un atteggiamento prudente sarebbe potuto essere quello di buttare via la sfera.

Invece Apostolakis non la spazza. Mente lucida e pallone a Donis a venti metri dalla linea di fondo. Come un treno che parte senza sosta, il centrocampista vede il compagno Dimitris Markos che fa un movimento verso destra ed elude la mediana olandese. Passa la linea di centrocampo sempre con la palla al piede e poi Warzycha spiega come è finita:

Seguendo l’azione, la sola cosa a cui ho pensato è di non andare in fuorigioco. Avevo solo questo in mente. Dal momento che ero in posizione regolare, ho visto il pallone arrivare (passaggio tagliato di Donis, ndr) e ho calciato di piatto! Non ho visto nemmeno dove è andata la palla! Appena mi sono alzato in piedi, l’ho vista in fondo alla rete. Ho alzato le braccia per esultare, non avevo le forze di fare qualcosa di più dalla fatica.

ajax-pao-96 (1)

E anche la conclusione non è stata lasciata al caso. Sempre Warzycha:

Se riguardate l’azione, vi accorgerete che van der Sar era uscito molto velocemente, mi aveva chiuso lo specchio della porta. L’unico modo per segnare era questo: passare la palla sopra di lui.

0-1 e il Panathinaikos si trova a un passo dalla finalissima di Roma.

In un altro Stadio Olimpico, quello di Atene, l’Ajax annienta con un secco 3-0 il Panathinaikos ma nella finale giocata nell’ultimo Olimpico della nostra storia, quello di Roma, van Gaal verrà battuto dalla Juventus di Marcello Lippi.

Però quella rete di Warzycha, anche a distanza di 24 anni, rimane indimenticabile.

 

Seguiteci sui nostri account Instagram e Facebook!


I contenuti presenti sul blog “Il Calcio Greco” sono di proprietà de “Il Calcio Greco”.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma non autorizzate espressamente dall’autore.
Copyright © 2016-2020 Il Calcio Greco. Tutti i diritti riservati.

AEK e Panathinaikos vogliono scappare dal problematico Stadio Olimpico

2017-09-25
L’Olimpico di Atene

Ovviamente non vogliamo sparare a zero sul più grande impianto sportivo della Grecia. Però sta diventando oggettivamente un problema sul groppone per AEK Panathinaikos. Grava economicamente sul budget, i suoi 69.618 posti a sedere rendono questo impianto una cattedrale nel deserto e poi non è un vero stadio per giocare a calcio: la pista di atletica penalizza la vista ed è molto freddo come ambiente.

Analizzeremo quindi come le due big ateniesi vogliono sbarazzarsi dell’Olimpico già dalla Super League 1 2020-2021.

SE L’AGIA SOFIA NON È PRONTO IN TEMPO, L’AEK PUNTA SU UN AFFIDABILE SUPPLENTE

Dopo la demolizione del vecchio stadio di Nea Filadelfeia nel 2003, l’AEK ha avuto diverse “case”. Nella stagione 2003-2004 ha giocato al Leoforos (stadio del Panathinaikos) in Champions, mentre in campionato ha girovagato in giro per l’AtticaNea Smyrni (Panionios), Nea Liossia (Akratitos), Leoforos e, appunto, Stadio Olimpico.

Nell’ultimo impianto i gialloneri hanno vissuto tutte le gioie, vedi campionato nel 2018, e dolori – la terza divisione – degli ultimi tre lustri. Però a tutti non è mai andato giù il fatto di giocare là: tifosi, giocatori e il patron Melissanidis che, in occasione della festa di Natale dell’AEK nel 2016, si è lasciato scappare queste parole non proprio in clima natalizio:

E dovrei anche dire che in tutti questi anni l’AEK sta giocando in trasferta. Questo stadio (l’Olimpico, ndr) non è il campo dell’AEK, è come… Dachau! Uno stadio troppo freddo per la nostra gente, uno stadio che non è fatto per il calcio.

Le numerose ammende per un’area troppo grande per essere gestita e anche il costo dell’affitto hanno portato il club giallonero a cercare un altro tetto. La costruzione del nuovo stadio sulle ceneri dello storico Nikos Goumas Nea Filadelfeia, anche con il rallentamento dovuto a questo periodo e alla burocrazia greca, molto probabilmente non si concluderà ad agosto, in vista della prossima stagione.

Quindi la soluzione più logica sarebbe quella di abbandonare dopo 16 anni l’Olimpico e spostarsi a Rizoupoli, lo stadio dell’Apollon Smyrnis.

stadio aek
Il punto arancione è l’Agia Sofia, il verde è Rizoupoli, mentre il blu a destra è l’Olimpico

Come vedete sulla mappa, è un’operazione di riavvicinamento allo storico quartiere dell’AEK ad Atene, dato che Rizoupoli si trova a nemmeno 1 km in linea d’aria dal nuovo Agia Sofia. Basti pensare che la consegna del trofeo del campionato del 2018 è avvenuta proprio a Rizoupoli, data la vicinanza nei confronti di Nea Filadelfeia.

Lo stadio Georgios Kamaras (nome ufficiale di Rizoupoli) è perfetto per diventare il supplente dell’Agia Sofia:

1) ha un’area facilmente controllabile se avvengono incidenti tra tifoserie;
2) ha un costo di affitto irrisorio rispetto all’Olimpico;
3) molto probabilmente, vista l’area ristretta, meno ammende dalla Super League 1;
4) è un impianto esclusivamente calcistico;
5) capienza di quasi 15.000 spettatori, quindi si riempie facilmente;
6) non ha la pista di atletica, quindi la visibilità è ottima.

La polisportiva Apollon Smyrnis è la proprietaria di questo stadio e il suo presidente, Panagiotis Katavelossi è già reso disponibile ad ospitare i gialloneri:

L’AEK ravviverà lo stadio di Rizoupoli, sarebbe un’ottima opportunità. Ospiteremo l’AEK con grande piacere. Abbiamo il dovere di farlo, perché non dobbiamo dimenticarci che nel passato l’AEK ha ospitato la nostra squadra nel vecchio “Nikos Goumas” in occasione del nostro debutto assoluto in Europa contro l’Olimpia Lubiana (8 agosto 1995, preliminare di Coppa UEFA, vittoria per 1-0 con rete di Bledar Kola, ndr).

SUPERLEAGUE / ÁÅÊ - ÂÏËÏÓ (ÖÙÔÏÃÑÁÖÉÁ: ×ÑÇÓÔÏÓ ÌÐÏÍÇÓ / EUROKINISSI)
Foto tratta da ΑΕΚ 3-2 Volos dello scorso 20 ottobre, partita giocata a Rizoupoli per il rifacimento del manto erboso dell’Olimpico

E si tratterebbe anche di un talismano per l’AEK. Infatti, in questo stadio non perde da trent’anni (1989-1990): 27 partite giocate, 22 vittorie (tra cui due con l’Olympiakos padrone di casa nelle stagioni 2002-2003 e 2003-2004) e 5 pareggi.

Volendo trovare il pelo nell’uovo, Rizoupoli difficilmente potrà ottenere l’omologazione della UEFA, quindi l’AEK dovrebbe nuovamente traslocare all’Olimpico per le partite in Europa. Rispetto a tutti i punti positivi che abbiamo elencato, questo è solo un dettaglio.

PANATHINAIKOS, RITORNO AL PASSATO?

leoforos-01-1024x760
Lo storico Leoforos

Avevamo parlato dell’annosa avventura del Trifylli per costruire uno stadio in questo articolo, per cui non ci dilungheremo come nel caso dell’AEK. Tuttavia, abbiamo delle importanti novità per la prossima stagione.

La faida tra il presidente della sezione calcistica Giannis Alafouzos con il presidente della polisportiva Dimitris Giannakopoulos ha portato il Panathinaikos lontano dalla storica casa del Leoforos nell’estate del 2018. Sono passati quasi due anni, molta acqua è passata sotto i ponti, i rapporti sono migliorati tra i due fronti e… il ritorno al Leoforos è dietro l’angolo!

Data l’inattività della struttura, serviranno circa 800.000 euro per un ammodernamento dell’impianto ma questo, apparentemente, non sembra essere un ostacolo. Un approdo al Leoforos è visto di buon occhio dal tecnico Giorgos Donis – che si è più volte lamentato dell’ambiente freddo e del terreno di gioco dell’Olimpico – e anche dai giocatori, i quali hanno bisogno di sentire vicina una tifoseria tradizionalmente calda.

Sulla testa del Panathinaikos pende ancora la mannaia della UEFA, poiché il ban europeo è ancora attivo, con Alafouzos che sta cercando di trovare una mediazione per far giocare in Europa la sua squadra. Nel caso venisse ritirata la punizione, i verdi dovrebbero giocare all’Olimpico le partite europee perché, come avverrà anche con Rizoupoli per l’AEK, difficilmente otterrebbe l’omologazione dalla stessa UEFA.

Un accordo di massima tra Alafouzos Giannakopoulos ci sarebbe anche, solo che la situazione attuale ha rinviato l’incontro decisivo per riportare il Panathinaikos a casa.

Sempre nell’attesa di costruire un nuovo stadio, vedi Votanikos

 

Seguiteci sui nostri account Instagram e Facebook!


I contenuti presenti sul blog “Il Calcio Greco” sono di proprietà de “Il Calcio Greco”.
È vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma non autorizzate espressamente dall’autore.
Copyright © 2016-2020 Il Calcio Greco. Tutti i diritti riservati.